lunedì 27 marzo 2017








Lo zenzero è una pianta di cui si utilizza il fusto sotterraneo per il suo gusto dolciastro e allo stesso tempo piccante. Cina, Giappone e India sono i maggiori produttori di questo rizoma polposo e bitorzoluto. In Cina lo zenzero, insieme ad aglio e porro, costituisce il cosiddetto gruppo dei tre piccanti. Già nel 770 a.C. era considerato un condimento e un medicinale prezioso. I cinesi ne sfruttavano prima di tutto in cucina le varie virtù. Tradizionalmente offrivano lo zenzero tritato finissimo prima del pasto, per stimolare l'appetito. Anche Confucio lo apprezzava molto, tanto da augurarsi di non dover mai restarne senza in cucina. Un simile apprezzamento non era limitato ai cinesi: gli arabi (che fungevano da intermediari per il commercio dello zenzero in Europa) introducono questo rizoma tra i cibi che saranno gustati in paradiso. La medicina tradizionale cinese non disdegnava certo lo zenzero che, secondo la teoria dello Ying e dello Yang, è un prodotto vegetale caldo. Come tale ne venivano utilizzati gli effetti benefici contro il raffreddore, febbre, mal di stomaco, e in genere contro tutte le malattie provocate dal freddo. I medici consigliavano di preparare un decotto con zenzero e zucchero di canna e di berlo caldissimo. Tale decotto provocava un' abbondante sudorazione, l'ideale per combattere febbri e influenze. 



Virtù afrodisiache 



In molte culture lo zenzero veniva utilizzato come afrodisiaco. 
Le donne arabe pestano il rizoma nel mortaio, quindi lo mescolano al miele e lo somministrano in piccole dosi  ai mariti per risvegliare i loro ardori. Nel Senegal le donne fanno una cintura con le protuberanze dei rizomi, e pare che questo basti per eccitare i loro uomini. In Europa un tempo circolava un rimedio antico, da applicarsi localmente sul pene. Occorreva mescolare polvere di zenzero, cannella e chiodi di garofano, spezie considerate afrodisiache anche da Nostradamus, unirli ad acqua di rose e pangrattato e spalmarle sul pene. Gli stessi poteri afrodisiaci venivano riconosciuti dagli autorevoli medici della scuola salernitana. In realtà lo zenzero possiede doti riscaldanti e stimolanti. Perciò un bagno aromatizzato con due o tre gocce di olio essenziale sarà benefico da questo punto di vista, mentre un pediluvio con uno o due gocce riscalderà i piedi raffreddati, eliminando inoltre la stanchezza.







Lo zenzero in cucina


Anche in cucina si può introdurre lo zenzero. Per cominciare, la bibita nota come ginger (il nome inglese di questo rizoma contiene per l'appunto zenzero). Gli inglesi ci preparavano anche una birra. Chi vuole provare qualcosa di esotico può assaggiare lo zenzero candito; chi invece volesse restare in Europa potrà approfittare dei gustosissimi biscotti diffusi in Germania, Belgio e Olanda sotto vari nomi ( Spekulatius, speculoos....) chiamati anche pane di spezie di zenzero. L'impasto, che oltre allo zenzero contiene cannella e chiodi di garofano, è delicatissimo e gradevolissimo. Tradizionalmente si danno ai biscotti le forme di figure umane, stelle, cuori e li si appende all'albero di Natale. 




Specie utilizzata:  Zingiber officinale 

Famiglia: Zingiberacee 

Provenienza: Asia 

Parti usate: rizomi 

Colore dell'olio: giallo-verde 

Profumo: intenso 

Proprietà: antisettiche, aperitive, carminative, 
stimolanti, stomatite, toniche. 

Avvertenze: può essere irritante per la pelle, uso moderato.

0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts