venerdì 24 marzo 2017









Il prolasso rettale comporta la protrusione anale esterna di uno o più strati della parete rettale.
Il prolasso parziale è limitato allo strato mucoso e può essere occulto o palese e si può associare alla malattia emorroidaria. 
Il prolasso mucoso viene classificato come: 

I grado quando il ponzamento è visibile sotto l'anello anorettale; 

II grado quando raggiunge la linea dentata;  

III grado quando arriva al margine anale. 


Nel prolasso rettale completo (a tutto spessore) si distinguono quattro gradi:


. di I grado è il prolasso fino al margine anale;

· il II  grado corrisponde al prolasso fuori dall'ano che si riduce 
spontaneamente;

· il III grado corrisponde al prolasso fuori dall'ano che può essere ridotto manualmente;

· il IV grado corrisponde al prolasso non riducibile. 




Il prolasso rettale è più comune nelle donne anziane ma può verificarsi a qualsiasi età. I fattori predisponenti comprendono preesistenti disturbi della motilità pelvica, defecazione dissinergica e intussuscezione. L' iintussuscezione è caratterizzata dal prolasso a tutto spessore della parete rettale che non protrude attraverso
l'ano. Prolasso rettale e intussuscezione possono coesistere con il rettocele. Quest'ultimo è un'anormale protusione sacciforme della parete del retto verso la vagina (prolasso della parete anteriore) o meno frequentemente verso il sacro (prolasso della parete posteriore) che spesso diventa visibile durante la defecazione. 



Il rettocele è comune nelle donne adulte e/o pluripare (20%); 
in genere è di piccole dimensioni < 2 cm e asintomatico e non richiede alcun trattamento. Si ritiene che il rettocele sia il risultato della debolezza del setto rettovaginale e/o del pavimento pelvico, ma la causa esatta non è nota. Il 60% dei pazienti con rettocele ha una defecazione dissinergica. La visualizzazione del prolasso può essere possibile solo dopo il ponzamento. 



Il trattamento non chirurgico (aumento dell'assunzione di fibre dietetiche e acqua, biofeedback), è spesso sufficiente per il prolasso mucoso di I e II grado. Procedure  transanali, come la legatura elastica, l'escissione mucosa, possono essere effettuate nei pazienti con prolasso mucoso di I  di II e III grado. Diverse procedure chirurgiche sono state proposte per il trattamento del prolasso rettale a tutto spessore  (laparotomia, laparoscopia, resezione rettale transanale con stappler, resezione rettale mediante robot) ma la loro efficacia deve essere ancora definita. 

0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts