mercoledì 11 gennaio 2017



Premessa




In Italia la vaccinazione contro il meningococco non è obbligatoria.

Viene consigliata agli operatori sanitari, a coloro che viaggiano e si recano in  aree ad alto rischio, ad esempio Africa sub - Sahariana; 
a coloro che vivono in comunità, come gli  studenti nei dormitori universitari, i militari in caserma perché a causa del contatto ravvicinato e prolungato corrono maggiori rischi.
  • A coloro che soffrono di alcune patologie di base (tra cui le immunodeficienze) e altre infezioni delle prime vie respiratorie, possono aumentare il rischio di malattia meningococcica. 
  • Soggetti affetti da anemia falciforme, asplenia funzionale o anatomica, HIV, immunodeficienze congenite o acquisite, gravi cardiopatie, malattie polmonari croniche, gravi epatopatie, diabete insulino dipendente, fistole liquorali sono ad aumentato rischio di malattia da pneumococco. Le immunodeficienze sono i principali fattori di rischio per le infezioni da Hi












La meningite è un infiammazione delle meningi ovvero delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale e può provocare complicanze gravi e, talvolta infauste come la morte o grave invalidità. Tra  le prime cause di meningite batterica ci sono le infezioni da pneumococco e quelle da meningococco. L'immunizzazione è  l'unica soluzione per non ammalarsi. 


L'importanza della vaccinazione


 Il migliore strumento che abbiamo per combattere la meningite è rappresentato dai vaccini. I vaccini pneumococcici e meningococcici, infatti, stimolano il sistema immunitario  a produrre  anticorpi protettivi nei confronti degli antigeni in esso contenuti e  hanno un'ottima tollerabilità. La meningite e più in generale le infezioni batteriche invasive fanno paura per la loro gravità e perché, nelle forme fulminanti, possono uccidere  in poche ore. Quando accade, non si fa in tempo a trattare con gli antibiotici, non c'è nulla da fare, l'unica possibilità  è la 
prevenzione vaccinale. 


Quando bisogna vaccinarsi?


Gran parte delle forme di meningite e infezione batterica invasiva sono prevenibili con le vaccinazioni di cui oggi si dispone contro diversi patogeni:  Hib,    pneumococco e meningococco. 
⧫  Il vaccino contro Hib viene somministrato nel primo anno di vita - - al 3°, 5° e 11° mese nella formulazione esavalente, insieme a quelli obbligatori contro tetano, differite, polio ed epatite B e insieme al vaccino raccomandato contro la pertosse. 
⧫ Diversa è la situazione con le infezioni invasive da pneumococco. Esistono più di 90 tipi di questo batterio e  i vaccini disponibili immunizzano contro quelli più frequentemente causa di malattie. Oggi, i bimbi al terzo, quinto e undicesimo mese di vita vengono vaccinati con un prodotto 13-valente in grado di offrire un' ampia protezione. Ancora non c'è  un  vaccino  universale contro lo pneumococco, dunque rimane una quota di casi di infezioni dovute a sierotipi più rari, non coperti da alcun vaccino. 
⧫ Infine c'è il meningococco, anch'esso presente con  diversi sierotipi. I più comune nel nostro paese, causa di meningite e malattie invasive  sono il C e il B. La vaccinazione contro il meningococco C è disponibile in Italia già da diversi anni e 
offerta a tutti i nuovi nati nel tredicesimo mese di vita. Poiché 
la protezione immunitaria conferita tende ad attenuarsi col tempo 
e l'incidenza delle infezione da meningococco continua a essere elevata fino al 25 anni di età, si raccomanda un richiamo intorno 
ai 12 anni. In quell'occasione si raccomanda di utilizzare il vaccino tetravalente, che protegge dal siero gruppo C e dai gruppi A, Y e W135. Questi ultimi tre sono al  momento poco diffusi in Europa ma, data l'abitudine a viaggiare dei giovani  non si può escludere l'eventualità di un contatto. 


L'arma contro il meningococco B



Dal  2014 è  arrivato in Italia anche il vaccino contro il meningococco B, l'ultimo tassello del puzzle per completare la protezione dalle infezioni da meningococco. Il batterio, oggi è responsabile della maggior parte dei casi di meningite e  infezione invasiva da meningococco in Italia. Il nuovo prodotto può essere somministrato  già a 2 mesi di vita  ed occorrono 4 dosi.
Le prime 3 da somministrare a distanza di almeno un mese, 
l'una dall'altra e la quarta 12 - 23 mesi. Ai piccoli dai  5  a 23 mesi servono tre dosi, le prime due a distanza di almeno due mesi una dall'altra e la terza a 12 - 23 dalla seconda.  
Infine, per i bimbi più grandi sono sufficienti due dosi a distanza di almeno due mesi l'una dall'altra






Le informazioni riportate devono essere considerate  a scopo informativo e divulgativo.

Non devono in alcun modo sostituire il parere del medico e degli specialisti ai quali bisogna rivolgersi per  avere informazioni anche in base alla propria storia personale.


.

0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts

Blog Archive