domenica 8 gennaio 2017













Il tumore della tiroide è provocato dalla crescita anomala di un gruppo di sue cellule e può essere sia benigno sia maligno; in questo caso si parla più propriamente di cancro. La forma più comune di tumore della tiroide si manifesta a carico delle cellule follicolari che producono la maggioranza degli ormoni tiroidei. 
Tutte le forme di cancro a carico di ghiandole prendono il nome 
di adenocarcinomi : nel caso della tiroide si può avere un 
adenoma carcinoma papillare ( oltre il 75% dei casi) oppure follicolare (circa il 15% ) ; 
vi sono poi delle forme tumorali a 
carico delle cellule parafollicolari vicine a quelle che producono 
calcitonina dette carcinoma midollare  della tiroide (meno il 5% 
di casi).Una forma particolarmente aggressiva  per fortuna 
rara (meno l' 1% dei carcinomi tiroidei) è il cosiddetto carcinoma anaplastico della tiroide che dà precocemente metastasi a distanza. Questo tumore  maligno determina  un  doloroso ingrossamento della tiroide e tende ad invadere le strutture vicine, provoca metastasi precoci ed è  molto difficile da trattare.
Negli altri casi si parla di tumori di origine linfatica (linfomi) o dai tessuti muscolari  o cartilaginei che circondano la ghiandola (sarcomi) o infine tumori metastatici che originano quindi da 
altri organi.

Cause 



Radiazioni












 Diversi fattori di rischio sembrano favorire l'insorgenza: tra queste si ricorda l'esposizione alle radiazioni ionizzanti. 
Una fonte importante di esposizione alle radiazioni  è la terapia con il raggi X. Negli anni Venti e Cinquanta   i bambini affetti da tonsille, acne e  altri problemi alla testa  e al collo venivano curati con raggi X molto potenti. In seguito però i medici scoprirono che alcuni pazienti che avevano ricevuto questa terapia avevano sviluppato un tumore alla tiroide.
Un'altra fonte di radiazione è  il fallout radioattivo, cioè  le radiazioni che ricadono sulla terra in seguito ai testi nucleari 
(come quelle condotte dagli Stati Uniti d'America negli anni 
50 e 60) agli incidenti nucleari (come quelli di Chernobyl nel 
l986 e di Fukushima) e dalle fuoriuscita di materiale radioattivo dagli impianti. Il fallout radioattivo contiene iodio radioattivo  I-131 e altri elementi radioattivi. Coloro che sono stati esposti a 
 I-131 soprattutto se al tempo era un bambino al momento dell'esposizione potrebbe presentare un maggiore rischio di 
soffrire di disturbi della tiroide.



Gozzo o polipi al colon










 Tra i  fattori di rischio accertati c'è anche il gozzo ossia  la crescita benigna della ghiandola che in alcuni casi può predisporre alla trasformazione delle cellule in senso neoplastico; lo stesso rischio si presenta, in casi rari, in pazienti con precedenti famigliari di polipi multipli nel colon o nel retto. 



Iodio






Lo iodio è un minerale che si trova nei crostacei e  nel sale iodato. Un apporto insufficiente di iodio nella dieta può far aumentare il rischio di adenoma e di adenocarcinoma follicolare. E, viceversa altre ricerche dimostrano che l'eccesso di iodio nella dieta può far aumentare il rischio di adenocarcinoma papillare. Per sapere con certezza se lo iodio rappresenta un fattore di rischio saranno necessari ulteriori ricerche.

EtàLa maggior parte dei pazienti affetti da tumore  alla tiroide ha più di 45 anni, la maggior parte dei pazienti affetta da carcinoma  anaplastico ha più di 60 anni.

Sesso femminile.Negli  Stati Uniti il rischio di soffrire di tumore tiroideo è circa il triplo per le donne.



La presenza di uno o più fattori di rischio non implica automaticamente la comparsa del tumore, la maggior parte dei pazienti che presentano fattori di rischio, infatti non svilupperà 
il con tumore .




 


Sintomi


Nel nei primi stadi, di solito, il tumore alla tiroide è asintomatico, non present  alcun  sintomo tuttavia negli stadi avanzati possono comparire i seguenti sintomi:

la presenza di uno o più noduli mediante la palpazione della regione anteriore del collo in corrispondenza della ghiandola; tuttavia è necessario ricordare che non tutti i noduli tiroidei nascondono forme di cancro anzi spesso sono semplicemente 
il segno della cosiddetta iperplasia tiroidea che  è un'eccessiva crescita del tessuto tiroideo.  A volte il primo segno a comparire 
è un linfonodo ingrossato, in altri casi si avverte la sensazione 
di oppressione a livello del collo. 

I sintomi in fase avanzata possono comprendere: 

* cambiamenti nella voce

* difficoltà nel deglutire 

* nel respirare per il coinvolgimento delle strutture del collo    adiacenti.

* mal gola o male al collo che non guariscono


Un nodulo neoplastico può anche essere associato alla sintomatologia di ipertiroidismo o  di ipotiroidismo; 


Indagini diagnostiche

Visita. Dopo riscontro del  nodulo  durante un esame fisico, in genere il medico prescrive una serie di analisi per misurare la funzionalità tiroidea ed identificare un'eventuale variazione  patologica dei livelli ormonali. 

 Esami del sangue . Dosaggio di ormoni tiroidei e TSH anche se spesso in presenza di un tumore tiroideo questi livelli risultano nella norma. Calcitoninemia  serve  invece ad escludere  il carcinoma midollare che si caratterizza per la presenza di elevati circolanti dell'ormone calcitonina. 

Indagini strumentali. L'esame  più semplice e specifico per studiare la tiroide  è l'ecografia tiroidea.  Questa indagine permettere di identificare i rapporti del nodulo con la ghiandola e con i tessuti circostanti; inoltre consente di riconoscere alcuni caratteri di benignità o di sospetta malignità. 
Scintigrafia tiroidea che permette di definire il nodulo in base alla sua attività endocrina. Questo è possibile grazie alla somministrazione di un mezzo di contrasto radioattivo iodato  
che viene accumulato dal  tessuto tiroideo con una forte affinità  o 
con un debole affinità. I noduli della tiroide rispetto al normale tessuto possono risultare caldi se accumulano più tracciante rispetto al tessuto circostante, al contrario i noduli che non inglobano lo iodio radioattivo si definisco freddi. I noduli tiroidei caldi di regola non  sono maligni mentre i noduli freddi possono nascondere un tumore.

Biopsia. E' un modo sicuro per diagnosticare il tumore alla tiroide. si può procedere in due modi:

Agoaspirato. Durante questa procedura viene  inserito 
sotto guida ecografica una ago  sottile attraverso la cute  per prelevare un campione di materiale dal nodulo  che verrà poi esaminato al microscopio.


TAC.  Può permettere di capire se il tumore si è diffuso nei linfonodi, altre zone del collo oppure nel torace la risonanza magnetica permette al medico di visualizzare le immagini su schermo oppure stamparle. 

 Risonanza magnetica. La risonanza magnetica  permette di capire se il tumore si è diffuso nei linfonodi o in altre zone dell'organismo. 


Radiografia del torace. Può permettere di capire se il tumore ha formato metastasi polmonari.





Terapia




La scelta del tipo di terapia corretta dipende dal tipo di tumore (papillare, follicolare, midollare, anaplastico) 


* dalle dimensioni del nodulo 

* dall'età del paziente

* eventuale presenza di metastasi. 


Insieme al vostro medico specialista verrà elaborato un piano terapeutico in base alle vostre necessità. Il medico vi descriverà 
le varie terapie e  i risultati di ciascuna di esse. Il tumore alla 
tiroide può essere curato con: 

* intervento chirurgico

* terapia ormonale 

* terapia radiometabolica a base di iodio radioattivo 

* radioterapia esterna 

* chemioterapia. 


La maggior parte dei paziente dovrà sottoposto ad una terapia combinata. L'intervento chirurgico e la radioterapia sono sempre locali perché rimuovono o distruggono il tumore localizzato nella tiroide. Se invece si sono formate dalle metastasi la terapia locale può essere usata per tenere sotto controllo  la patologia localizzata 
in zone specifiche. La terapia ormonale, la terapia radiometabolica, la chemioterapia sono invece terapie sistemiche perché entrano in circolo e distruggono o tengono sotto controllo il tumore in tutto l'organismo. 

Effetti collaterali


È bene informarsi sugli effetti collaterali su come queste terapie possono influire sul lavoro e sul la vostra vita quotidiana. Le terapie antitumorali spesso danneggiano le cellule e i tessuti sani quindi gli effetti collaterali sono piuttosto frequente dipendono principalmente dal tipo di terapia dalla sua aggressività



La salute della tiroide












0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts

Blog Archive