venerdì 27 gennaio 2017



Fare male non è solo questione di schiaffi e botte: anche una violenza psicologica può causare ferite profonde nell'anima. 
Oggi sono riconosciuti e puniti dalla legge comportamenti come 
il mobbing familiare e lo stalking. Resta piuttosto invisibile il "gaslighting" ovvero quel tipo di violenza psicologica nel quale 
la vittima non sa di esserlo, perché coinvolta in un rapporto di stretta intimità con il suo carnefice, dal quale è soggiogata. 









Da un film alla realtà 


Il termine gaslighting deriva dal titolo del film del 1944 del regista americano Georg Cukor: "Gaslight" tradotto in italiano "Angoscia". E' la storia di una coppia nella quale il marito mette in atto un comportamento manipolatorio per confondere la moglie, insidiarne l'autostima e renderla dipendente da sé. Tra le varie strategie, il coniuge alza e abbassa in continuazione la luce delle lampade a gas (in inglese, gaslight) della casa, attribuendo il fenomeno ad allucinazioni visive della consorte, che si convince di essere mentalmente malata e arriva sull'orlo della pazzia.




Conduce alla confusione mentale 

Il gaslighting è il comportamento attuato con l'obiettivo di minare le sicurezze della propria vittima, farla dubitare di se stessa fino a convincerla di avere problemi psicologici. È un abuso più comune di quanto si possa pensare, commesso tra le mura domestiche quando un rapporto si fa conflittuale. Si tratta di una violenza sottile e persistente che, somministrata a dosi quotidiane, agisce come un lento lavaggio del cervello. A volte chi abusa cerca di imprigionare la partner in una realtà parallela, fatta di menzogne, per non ammettere un tradimento. All'inizio la vittima tenta di reagire e, poi lentamente le sue resistenze si affievoliscono fino a scomparire.

Il carnefice 
prima premuroso, poi feroce 


Per far cadere la vittima nella propria ragnatela psicologica di solito il persecutore inizia utilizzando una tattica di adulazione, ripetendo frasi come "Ti voglio bene" o "Non potrei vivere senza di te". Il manipolatore si mostra sempre gentile e premuroso, accompagna la partner a fare la spesa, in ufficio, da un amico o dai parenti, facendo in modo che la vittima finisca per fidarsi ciecamente di lui. Poi, si passa alla distorsione della realtà, che riguarda soprattutto l'area della memoria. Frasi come "Me l'hai detto tu, non ricordi?". Vengono dette ad arte dal persecutore, che inserisce le sue menzogne in situazioni  reali. Se la strategia funziona la vittima si convince con crescente angoscia di avere problemi mentali, arrivando al paradosso di chiedere al proprio carnefice di aiutarla.


La vittima 
dal disorientamento alla depressione 


Di solito, la vittima attraversa una prima fase di disorientamento e confusione. Non capisce perché si trova a dover questionare su cose che non dovrebbero essere oggetto di discussione, come i propri ricordi o le proprie opinioni. 
💥 Nella seconda fase reagisce cercando di difendersi e di capire cosa le stia accadendo. 
💥  Infine, una terza fase porta alla depressione. La vittima si rassegna, perde l'autostima, è ossessionata dall'idea di commettere un errore, accetta la realtà imposta dal manipolatore e si isola a livello sociale per il timore di sentirsi inadeguata. La violenza psicologica si cronicizza e la perversione della relazione raggiunge l'apice. 

Come difendersi 

Riconoscere il problema 
Non è semplice individuare questo abuso, raffinato e invisibile, ma alcuni segnali sono un campanello d'allarme. Vi sentite cambiate dentro? Da persona sicura, serena e rilassata, vi ritrovate senza gioia e incline a criticarvi? Tendete a chiedere sempre scusa al partner? Ne giustificate ogni suo comportamento? Percepite che nel rapporto c'è qualcosa di sbagliato, ma non capite cosa, e comunque tendete a nascondere i vostri tormenti ad amici e parenti? Questi segnali configurano la possibilità che siate  vittima di gaslighting.
Schivare le provocazioni 
Una prima strategia può essere quella di non rispondere all'abusante quando cerca di coinvolgervi in discussioni che 
ritenete non obiettive, per non dargli la possibilità di manipolare 
la percezione dei fatti. In questo modo, si può spegnere l'effetto gaslighting.
Chiedere aiuto ad amici e parenti 
La chiave migliore per uscire dal tunnel è trovare un supporto esterno. Molte vittime tendono a isolarsi socialmente. Invece, è fondamentale restare legate alle persone care perché spesso la capacità di far "aprire gli occhi" alla vittima arriva proprio da chi 
le sta intorno: altri familiari, amici o colleghi. E' allora 
che inizia il percorso di ricostruzione della propria identità e della fiducia in sé, per liberarsi da una relazione perversa e dolorosa. 
Farsi assistere da uno psicologo 
Un trattamento psicoterapeutico mirato può aiutare a svincolarsi dalla relazione patologica, in modo da recuperare la propria autonomia di giudizio in tempi più brevi. 

.

Che cosa dice la legge 

Nel codice penale non esiste il reato di gaslighting , tuttavia questo abuso rientra nei due  articoli (570 e 572) che trattano la violenza morale e psicologica dei maltrattamenti in famiglia. 

(Tratto da un articolo di Tiziano Zaccaria con la consulenza del dottor Davide Algeri,  psicologo psicoterapeuta a Milano.)

0 commenti:

Posta un commento

Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts