mercoledì 21 settembre 2016















Cause

Le intossicazioni alimentari sono causate da alimenti scaduti o conservati male,non conservati in frigorifero,oppure scongelati e ricongelati anche più volte, nei quali si sviluppano batteri.
La contaminazione degli alimenti può avvenire in qualsiasi momento: produzione,coltivazione, raccolta, conservazione, lavorazione.

Cibi non cotti correttamente, pollame e carne di maiale in particolar modo.
Sarebbe buona norma lavarsi accuratamente le mani prima di toccare gli alimenti per prevenire la diffusione di batteri che possono causare la contaminazione.

Una corretta conservazione dei cibi in frigorifero o in 
congelatore,non scongelare la carne a temperatura ambiente 
( soprattutto nei mesi caldi )
ma aspettare che si scongeli in frigorifero, non lasciare fuori  
cibi già cucinati ma conservarli in frigorifero, sono semplici accorgimenti che possono aiutare a prevenire le intossicazioni.


Le intossicazioni alimentari sono di solito causate da batteri ma a volte possono essere causate da parassiti.




Sintomi

I sintomi possono iniziare entro poche ore dall'ingestione del cibo oppure alcuni giorni dopo, secondo il batterio che l'ha scatenata.

Malessere generale

Vomito

Diarrea

Crampi allo stomaco








Le infezioni più comuni:




Campylobacter



Campylobacter è la prima causa di intossicazione alimentare in Europa, il batterio si
trova negli apparati gastroenterici dei polli, anatre, oche e 
conigli allevati ma  anche in quelli selvatici, piccioni, fagiani , gabbiani e posso essere contaminati anche la carne e
le uova.
Può essere presente nel latte crudo.
Il periodo di incubazione da due a cinque giorni,i sintomi 
durano meno di una settimana.


Salmonella


La salmonellosi è causata da un batterio il cui contagio può avvenire per l'ingestione di

alimenti contaminati come uova e carne non cotti adeguatamente oppure per contatto con escrementi animali.
I principali sintomi consistono in vomito e crampi addominali.


Escherichia coli

L'infezione si trasmette prevalentemente attraverso il consumo di cibi contaminati , frutta e verdura che vengono consumate crude, 
da carne non cotta adeguatamente ,dal latte non pastorizzato o attraverso il contatto con animali .
La trasmissione da persona a persona è possibile solo in casi di stretto contatto.






Cure


Bere molta acqua , il vomito e la diarrea provocano disidratazione, l'acqua è indispensabile  per  reintegrare i liquidi persi. 
Nei giorni successivi mangiare poco e leggero in modo da non appesantire lo stomaco e l'intestino.
Per questo è opportuno scegliere alimenti semplici e digeribili come il riso, il petto di pollo o di tacchino, il pesce come la 
sogliola oppure il merluzzo cucinati in bianco, senza 
salse elaborate .
Nei giorni che seguono l'intossicazione è opportuno eliminare 
dalla dieta i cibi irritanti e piccanti come bevande alcoliche, caffè, cioccolato che già in condizioni normali irritano l'apparato gastrointestinale.

E' sempre indispensabile consultare il medico  per una corretta diagnosi e i medicinali indicati al caso.

















Le informazioni riportate devono essere considerate  come suggerimenti e consigli di carattere generale, non devono in alcun modo sostituire il parere del medico e degli specialisti ai quali bisogna rivolgersi per qualsiasi problema. 









Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts