domenica 11 settembre 2016










La dieta vegana è una variante della dieta vegetariana, a differenza dei vegetariani che rifiutano di alimentarsi con carne e pesce, i vegani rifiutano tutti i prodotti di derivazione animale ,di conseguenza niente latte, formaggi, uova , miele ..
I vegetariani sono contro l'uccisione di animali e i vegani anche contro lo sfruttamento, ritenendo tale anche la produzione di latte e uova.

Ritengono che le galline potrebbero vivere molto di più se lasciate libere, negli allevamenti non appena la produzione di uova finisce vengono uccise per la carne, il consumo di uova determina la morte  delle galline per la produzione di carne.
Anche le mucche subiscono lo stesso trattamento, se lasciate libere vivrebbero 15-20 
anni, negli allevamenti vengono soppressi all'età di 5-6 anni, quando producono 
meno latte, il consumo di latte è diretta conseguenza della loro morte prematura.

Più che uno stile alimentare

In realtà il veganismo va al di là dello stile alimentare, si tratta di un movimento ideologia
che adotta uno stile di vita che pone al centro dell'ideologia  il rifiuto di qualsiasi forma di sfruttamento animale.
I sostenitori di questo movimento sono agguerriti oppositori di qualsiasi utilizzo di prodotti alimentari di derivazione animale, abbigliamento ,scarpe di pelle,borse, divani, e oggetti in pelle, prodotti cosmetici testati su animali o con ingredienti animali, utilizzo degli animali per spettacolo, l'impiego di animali per  la sperimentazione scientifica , medica e farmacologica.
Non visitano lo zoo e si rifiutano di tenere gli animali in gabbia, non visitano gli acquari e non comprano animali.
Alcune di queste opzioni verranno certamente  condivise anche da coloro che non praticano il vaganesimo, gli animali in gabbia, l'utilizzo degli animali al circo per puro scopo di divertimento, la compravendita di animali, la caccia.
Per quanto riguarda la sperimentazione ci sono opinioni contrastanti ( difficile mettere d'accordo una mamma con il bambino affetto da cancro) che accendono dibattiti e non trovano tutti d'accordo, anche in questo caso non è esclusivamente vegano il movimento.



Uova cruelty - free








Sono sempre più numerosi i vegani che consumano le uova cruelty-free , non si tratta né di uova biologiche né di uova provenienti da allevamenti all' aperto ma di uova deposte da galline ritenute vecchie per la produzione industriale,destinate alla macellazione.
Le galline vivono in libertà,  i contadini  e i volontari si occupano di raccogliere le uova e venderle per avere un guadagno che sarà destinato a sostenere il loro progetto.
Ma se le galline fanno tante uova da destinare alla vendita cosa mangiano?
Le galline affinché possano produrre tante uova devono assumere mangimi ricchi di soia , trattati con pesticidi e i pesticidi uccidono in modo brutale tanti piccoli animali che vivono in natura.








Vegani/vegetariani uccidono di più gli animali

Mike Archer professore dell'università New South Wales in Australia ha condotto uno studio pubblicato sulla rivista scientifica " The Conversation", ritenendo  i vegani/ vegetariani responsabili  dell'uccisione degli animali 25 volte di più rispetto alle persone onnivore.
Una tesi apparentemente bizzarra , il professore spiega come  la produzione di vegetali destinati all'uomo possa uccidere in maniera crudele,tutte quelle specie  animali che dipendono da vegetazione spontanea, compresi gli insetti, che vengono distrutti dai diserbanti e colture intensive, attraverso queste procedure si può  assistere ad una crudele strage di piccoli animali .



Afferma ancora che gli ovini destinati alla macellazione si nutrono di vegetazione spontanea mentre la coltivazione di grano, riso e legumi prevede l'eliminazione della vegetazione originaria che si traduce nella morte di migliaia di animali legati a quel tipo di vegetazione.
Si deduce che attraverso la coltivazione si fa strage di animali, anche di quelli uccisi per proteggere le coltivazioni tra cui migliaia di topi.

Non c'è un modo per preservare la natura allo stato brado , solo nel " 
Sogno di un uomo ridicolo di Dostoevskij" gli uomini e gli animali vivono 
come se fossero sullo stesso livello, ma anche lì con il tempo si insinua il 
male e la contaminazione e anche in quella  società felice si fanno 
strada sentimenti comuni a noi uomini (crudeltà, invidia, guerre, 
divisione tra gruppi, sensualità, scienza) e la natura subisce automaticamente 
delle modificazioni.



I vantaggi di una dieta vegana


La dieta vegana è ricca di fibre, le  fibre si trovano nel vegetali , frutta, verdura, cereali, legumi , la quantità di fibre contenuta in questi alimenti facilita la peristalsi e quindi la progressione oro aborale , gli alimenti di origine vegetale richiedono meno sforzo da parte dell'apparato digerente rispetto ai prodotti di origine animale.
Diversi studi dimostrano che una dieta vegana equilibrata può essere un'alleata nella prevenzione di malattie degenerative e tumorali.

Il dr Colin Campbell biochimico statunitense ,nutrizionista, professore emerito di Nutrizione e Biochimica alla Cornell University ,dopo uno studio accurato su  una lunga lista malattie afferma che malattie coronariche, obesità, diabete, tumori possono essere prevenute attraverso una dieta vegana.
La carne  invece favorisce l'insorgere di queste patologie.
La morte per cancro al colon di vegano convinto come Robin Gibb fa riflettere su uno 
stile di vita completamento vegano.

Il consumo di alimenti vegetali integrali favorisce la perdita di peso, i cibi possibilmente integrali e crudi.

Svantaggi di una dieta vegana

Perdite di vitamine e minerali

Le diete vegane non contengono vitamine B12 che è un nutriente essenziale per l'organismo, mentre la fonte naturale per le altre vitamine sono i vegetali per la vitamina B 12 non è così, la vitamina B12 non viene utilizzata dalle piante per il loro metabolismo.
La fonte naturale della vitamina B12 sono alcuni microoganismi,funghi, batteri e alghe.

I batteri producono molta vitamina B 12 attiva mentre alghe e funghi producono 
vitamina B12  inattiva che possono esercitare degli effetti negativi sul metabolismo 
della vitamina B12 attiva.
La mancanza di vitamina B12 può determinare   forme di anemia , anemia megaloblastica , una malattia molto grave.


E' necessario consultare il medico quando si intraprende una dieta vegana  escludendo la presenza di alcune malattie che possano interferire con questo stile alimentare.

Difficoltà a mangiare fuori casa anche ultimamente molti ristoranti sono attrezzati con una varietà di piatti vegani.



Per la realizzazione di questo post ho attinto a diverse fonti e quello che ho trovato indecoroso è la mancanza , a volte, di rispetto reciproco tra coloro che non  condividono le stesse idee.
Pur non condividendo  gli stessi ideali ,si può trovare un terreno di dialogo e non 
insultarsi vicendevolmente.
Nessuno di noi è portatore di una verità assoluta.







Le informazioni riportate devono essere considerate  come suggerimenti e consigli di carattere generale, non devono in alcun modo sostituire il parere del medico e degli specialisti ai quali bisogna rivolgersi per qualsiasi problema.






























































Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts