domenica 18 settembre 2016
























" aumenta di giorno in giorno la mia tristezza, di cui non comprendo le origini.
Divento noioso per gli altri , insopportabile per chi ha a che fare con me e odioso 
a me stesso,senza sapere il perché , senza avere abbastanza forza per strapparmi via da
questi sentimenti soffocanti che mi struggono ogni mio piacere ; sono solo un infelice
e se il destino non mi strappa presto da questa situazione tormentosa mi sparerò..."
Così descriveva la sua depressione il poeta austriaco Grillparzer , senza discostarsi troppo da quello che è il quadro clinico della depressione.

La depressione è una patologia che angustia gravemente chi ne è affetto, non solo in termini di sofferenza personale ma anche per quanto concerne i rapporti familiari , di coppia,
professionali e sociali.
Associati a questo  vi sono pensieri autolesivi che possono tramutarsi in tentativi di suicidio
con cui il paziente in  un atto estremo tenta di porre fine alle sue sofferenze, una liberazione
da una situazione che ritiene irrisolvibile.
La depressione nelle sue diverse forme è una  delle malattie più frequenti , secondo le ultime stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS) solo nel 2015 la depressione ha interessato 350 milioni di persone, una dimensione drammatica resa ancora più angosciosa dal  numero di persone che si toglie la vita a causa di questa penosa condizione.
La  vita è accompagnata da emozioni ed eventi che fanno provare gioie  di fronte ad una
bella notizia e tristezza o insoddisfazione  di fronte ad una cattiva, stati d'animo che si
alternano senza che ci sia nulla di patologico.
Quando però ci si sente svuotati di interessi e di sentimenti, quando tutto sembra problematico, faticoso . senza gioia, fino a rendere difficile o addirittura impossibile il lavoro, i rapporti affettivi,
bisogna pensare di trovarsi di fronte ad quadro patologico.





Ricerca della causa 


Il primo inquadramento  della patologia depressiva spetta allo psichiatra e psicologo

tedesco Emil Kraepelin che rifacendosi alla suddivisione della pazzia in mania e malinconia
risalente a cento anni prima , coniò la definizione di psicosi maniaco- depressiva nella quel si alternano momenti di eccitamento euforico  a momenti  di malinconia profonda.
Nel suo Trattato di psichiatria ( 1899)  fu il primo a definire la m-d come entità
nosografica a sè.
L'espressione m-d attualmente è meno utilizzata a favore del disturbo bipolare.

Kraepelin definì la psicosi maniaco-depressiva una malattia endogena probabilmente su base ereditaria; successivamente numerosi ricercatori si sono indirizzati verso modelli di spiegazione e comprensione della natura genetica della malattia, verificando che l'alterazione di alcuni neurotrasmettitori responsabili dell'umore ,dopamina, noradrenalina, serotonina sarebbero responsabili della depressione.
Gli indirizzi psicologici hanno dimostrato l'importanza di fattori individuali legati
alla personalità dell'individuo e alla sua sfera emotiva.


Persone maggiormente colpite


Seconde le statistiche le persone maggiormente colpite sarebbero quelle:

Introverse che tendono a reprimere i  sentimenti e le emozioni

Gli insicuri

Chi pretende troppo da se stesso

Chi ha bassa autostima

Chi ha un' esperienza di grave  lutto e non riesce a superare tale esperienza devastante

Fattori ambientali , chi vive in condizioni di isolamento sociale e  di emarginazione
risulta  più vulnerabile

Bisogno prestare attenzione anche  a specifici eventi esistenziali improvvisi,
ai "life stress events" che sono stati frequentemente associati all'esordio dei sintomi
depressivi.


Principali life stress events :



  • Morte del coniuge 
  • Morte di un familiare o un amico 
  • Divorzio 
  • Separazione 
  • Grave malattia 
  • Pensionamento 
  • Perdita del lavoro 
  • Sfratto 
  • Cambiamento di lavoro 
  • Cambiamento di città 
  • Problemi economici 
  • Menopausa 
  • Nascita di un figlio 
  • Matrimonio 



Alterazioni dell'umore :

Nella classificazione   moderna  la depressione è stata considerata un disturbo
affettivo, ma successivamente è stata fatta rientrare nei disturbi dell'umore,
intendendo per ciò un' emozionalità  che condiziona la vita psichica. 
L'umore può essere depresso, euforico, irritabile e l'umore eutimico. serenità 
neutralità.
La depressione è vista oggi come una compromissione generale ,che coinvolge tutto
l'universo psichico del paziente; nei casi lievi si manifesta come semplice malessere
psichico, tristezza senza motivo che si presenta come un sentimento misterioso e
indefinibile .
Nei casi gravi domina completamente la personalità del malato limitandone le facoltà
intellettive a pensieri che possono portare ad errata percezione della realtà assumendo
caratteri deliranti.



Sintomi principali della depressione 

Calo del tono e dell' umore

Calo dell interesse e del piacere nelle attività quotidiane

Sentimenti di colpa e bassa autostima

Pensieri di morte e pensieri suicidi

Agitazione e rallentamento psicomotorio

Disturbi del sonno

Disturbi dell alimentazione

Affaticabilità e mancanza di energia

Difficoltà di concentrazione



Le donne sono più colpite








La depressione colpisce di più la popolazione femminile, per ogni uomo che si ammala ci
sono più  di  due donne.

La maggiore incidenza viene attribuita a fattori ormonali, biologici, psicologici e sociali.
Gli ormoni sessuali femminili possono influire sul funzionamento dei neurotrasmettitori
che regolano  il tono dell'umore,  ( Depressione post-partum).

La depressione colpisce le donne anche per fattori psicologici  e sociali i cui le donne sono maggiormente esposte.
Conciliare il lavoro con la famiglia , i sensi colpa di  non riuscire a conciliare può portare
livelli di stress elevati.
La donna che si è occupata esclusivamente della famiglia può subire grave difficoltà
quando i figli diventano indipendenti e può subire momenti di difficoltà dovuti alla
separazione.
La menopausa rappresenta  un periodo  difficile per la donna , si associano i cambiamenti
ormonali anche a sentimenti di inutilità e perdita di interessi.
Con l'avanzare dell'età aumenta la sindrome depressiva dovuta a cambiamento del ruolo,
e abbassamento delle capacità fisiche e psicofisiche.



Il male di vivere è “... l’incartocciarsi della foglia riarsa...” scriveva Eugenio Montale. E il mondo è un viale su cui cadono 384 milioni di persone. Piegate dalla depressione. Con l’animo sgualcito. Incapaci di rialzarsi. Se le guardassimo, scopriremmo che, per ogni volto maschile, ce ne sono due di lei. I dati sono aridi più delle foglie secche, ma non mentono. 





Come curare la depressione


Per la cura della depressione è consigliabile associare due terapie, psicologica e
farmacologica , non sono incompatibili tra loro  anzi quando sono usate insieme
possono dare risultati soddisfacenti.
Una terapia antidepressiva non fa altro che accelerare il processo di guarigione ,
esclusi casi di depressione cronica / resistente che hanno bisogno di più anni e sono
oggetto  di ricadute.

Il trattamento dell'episodio depressivo deve comprendere due  momenti:

1) La cura dell'episodi in atto  2) Un successivo momento per le evitare ricadute
 E' una malattia ciclica in cui si alternano  momenti di benessere a periodi di malattia.
E'  molto importante che lo specialista metta in atto  anche un valido supporto
psicologico.
I farmaci antidepressivi presentano effetti collaterali: tachicardia, vertigini, imbambolamento,
bocca secca, sonnolenza, aumento di peso, tremori , insonnia.
Esistono  per fortuna una nuova serie di farmaci antidepressivi SSRI che hanno un'azione
molto selettiva sulla serotonina, andando ad agire solo su questo neurotrasmettitore si
evitano molto degli effetti collaterali tipici dei vecchia antidepressivi.






Psicoterapia 














Capire i segnali della depressione è molto importante soprattutto per la famiglia che può
ritenere inizialmente che i segnali siano soltanto delle fissazioni , forme di apatia  ecc.
 rafforzando il pensiero depressivo del loro caro.
La depressione non è presente soltanto nelle persone adulte ma anche nel bambino,
nell' adolescente e nell' anziano.
Fattori scatenanti possono essere una perdita affettiva, materiale, delusione riguardo
alle aspettative che gli altri ripongono in essi .

Il punto centrale è  rappresentato dalla famiglia,anche se è molto difficile convivere con una
persona depressa , che si presenta , apatica , inattiva aggressiva, i familiari vivono la  paura
anche di sbagliare il comportamento nei loro confronti.
Ma i legami familiari svolgono un ruolo fondamentale nella terapia, infatti l'affetto e una
relazione sincera possono essere un supporto fondamentale per uscire dal tunnel.
Un eventuale intervento del terapeuta deve essere caratterizzato da neutralità,senza
coalizzarsi con i componenti della famiglia , cosa che finirebbe con l'accentuare i sensi
 di colpa del depresso.



























Le informazioni riportate devono essere considerate  come suggerimenti e consigli di carattere generale, non devono in alcun modo sostituire il parere del medico e degli specialisti ai quali bisogna rivolgersi per qualsiasi problema. 



( Rif. bibl. Nuova enciclopedia medica della medicina De Agostini)










Google+ Badge

Etichette

Pagine

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts