sabato 21 aprile 2018







Con il termine “morte cardiaca improvvisa” si intende il decesso 
per cause naturali di origine cardiaca che consegue ad 
un’improvvisa perdita di coscienza entro un’ora dall’esordio 
dei sintomi.




Esistono due picchi di incidenza della morte improvvisa; 
il primo nei sei mesi di vita (Sudden infant Death Syndrome 
o SIDS) e il secondo tra i 45 e i 75 anni di età. La morte 
cardiaca improvvisa tra i 45 e 75 anni può essere dovuta a:







1. tachiaritmia fatale (fibrillazione ventricolare primaria) 
è il modo più comune di morte cardiaca improvvisa. 



2. nel 10-15% dei casi la causa è un’ asistolia 
(assenza di battito cardiaco);



3.  più raramente una dissociazione elettromeccanica 
(presenza di attività elettrica in assenza di contrazioni 
efficace del cuore). 



4. la patologia coronarica è senz’altro la causa più frequente 
di morte cardiaca improvvisa negli adulti e per tale motivo sia 
la distribuzione sia i principali fattori di rischio sono comuni alle 
due condizioni. L’incidenza della morte cardiaca improvvisa 
mostra un ritmo circadiano con una prevalenza tra le ore 6 
del mattino e mezzogiorno. Questo ritmo circadiano è molto 
simile a quello osservato per l’insorgenza di altri eventi cardiaci 
acuti quali l’infarto del miocardio ed ischemia miocardica 
transitoria.






La genesi della morte cardiaca improvvisa coinvolge una serie di 

fattori con ruoli diversi. 
Un modello efficace di morte cardiaca improvvisa prevede 
l’esistenza di un substrato miocardico, 
di fattori scatenanti e di fattori modulanti o favorenti che 
interagiscono. 

1. Con il termine substrato si intende la presenza di alterazioni 

strutturali o elettriche cardiache
 che favoriscano il rischio aritmico:

a. alterazioni strutturali possono ad esempio essere rappresentate 

da una cardiopatia congenita,
 da alterazioni conseguenti all’ ipertrofia o alla fibrosi miocardica, 
e possono ad esempio seguire 
ad un infarto del miocardio; 








b.  alterazioni elettriche sono tipicamente quelle presenti in 

cardiopatia aritmogena ereditarie, 
legate a difetti di canali ionici cardiaci, quali la sindrome del 
QT lungo o la Sindrome di
 Brugada. 

2. Un fattore scatenante importante è costituito, ad esempio, 

da un episodio ischemico acuto. La frequente assenza, nei vasi 
coronarici esaminate all’autopsia, di lesioni occlusive sottolinea 
la possibilità che a scatenare l’episodio di arresto cardiaco sia un 
ischemia miocardica solo transitoria. In accordo con quest’ipotesi 
è il fatto che è solo una minoranza di soggetti che tornano in vita 
dopo arresto cardiaco sviluppa un infarto del miocardio. 

3. Con il termine “fattore modulare” si intende un fattore 

variabile nel tempo, e possa in talune circostanze presentarsi 
con caratteristiche tali da favorire l’insorgenza, la perpetuazione 
o la degenerazione di un’ aritmia ventricolare minacciosa. 
Esempi tipici sono:

 1. alterazioni elettrolitiche quali ipopotassiemia 






2. farmaci con potenziale effetto proaritmico 

3. sistema nervoso autonomo. Un’ eccessiva attivazione adrenergica 

esercita una serie di effetti sfavorevoli  nel senso di un aumento della gravità dell’ischemia.

PRINCIPALI CONDIZIONI PATOLOGICHE ASSOCIATE 
A MORTE CARDIACA

La cardiopatia ischemica è responsabile di circa l’80%  delle 

morti improvvise nei paesi occidentali e le cardiomiopatie si 
rendono responsabili di un altro 10-15%. Tuttavia altre cause 
sebbene più rare (entità minori)sono tra le principali cause di 
morte improvvisa in adolescenti e giovani adulti. Ci sono inoltre 
dei casi in cui la causa della morte cardiaca improvvisa o della 
fibrillazione ventricolare resuscitata non riesce ad essere identificata 
e si parla quindi di “fibrillazione ventricolare idiopatica”. A 5 anni 
di follow-up questi pazienti hanno un rischio del 30% di avere un 
nuovo arresto. e, per tale motivo esistono indicazioni assolute 
all’impianto del defibrillatore automatico, un apparecchio simile 
ad un pacemaker, in grado di riconoscere e trattare attraverso 
shock elettrico le aritmie ventricolari maligne.




segui

Etichette

Pagine

Calazio

Serendipity360

Metti mi piace sulla mia pagina facebbok

Like us on Facebook

BTemplates.com

Categories

Powered by Blogger.

Blogger templates

Pancia piatta in sette giorni

Avere la pancia piatta è il sogno di ogni donna, purtroppo ottenere una pancia piatta  non è facile  anche quando non si è sovrappeso...

Post più popolari

Serendipity360-Benessere e Salute

Pagine

Translate

Google+ Followers

Segui tramite email

Popular Posts